News

Vesti solidale partecipa a Economy of Francesco

logo-eof

Il 19-20-21 novembre scorsi si è svolto, in diretta streaming, The Economy of Francesco, l’evento internazionale che ha visto come protagonisti 2000 giovani economisti e imprenditori da tutto il mondo.

L’iniziativa si è sviluppata a seguito dell’invito che papa Francesco ha inviato, a maggio 2019, a economisti, studenti, imprenditori ed imprenditrici under 35, con l’obbiettivo di avviare, con i giovani e un gruppo qualificato di esperti, un processo di cambiamento globale su tematiche quali l’economia, l’ambiente e l’attenzione all’uomo, per la creazione di nuovi stili di vita più sostenibili e che “non lascino indietro nessuno”.

L’evento, inizialmente previsto ad Assisi, vista l’emergenza sanitaria in corso, si è svolto principalmente sul portale francescoeconomy.org. (dove sono disponibili alcuni contenuti registrati durante l’evento).

A conclusione delle tre giornate, papa Francesco è intervenuto con un videomessaggio dove ha ribadito come questo evento voglia essere “un punto di partenza per costruire una diversa narrazione economica del nostro vivere su questa terra”… a partire dalle parole che smossero san Francesco di Assisi , “Francesco va e ripara la mia casa”.

Papa Francesco, ricordando il lavori preparatori all’evento, ha detto ai giovani : “Voi manifestate una sensibilità e una preoccupazione speciali per identificare le questioni cruciali che ci interpellano. L’avete fatto da una prospettiva particolare: l’economia, che è il vostro ambito di ricerca, di studio e di lavoro. Sapete che urge una diversa narrazione economica, urge prendere atto responsabilmente del fatto che «l’attuale sistema mondiale è insostenibile da diversi punti di vista» e colpisce nostra sorella terra, tanto gravemente maltrattata e spogliata, e insieme i più poveri e gli esclusi. Vanno insieme: tu spogli la terra e ci sono tanti poveri esclusi.

E ancora … “Voi siete molto più di un “rumore” superficiale e passeggero che si può addormentare e narcotizzare con il tempo. Se non vogliamo che questo succeda, siete chiamati a incidere concretamente nelle vostre città e università, nel lavoro e nel sindacato, nelle imprese e nei movimenti, negli uffici pubblici e privati con intelligenza, impegno e convinzione, per arrivare al nucleo e al cuore dove si elaborano e si decidono i temi e i paradigmi.”

“Ogni sforzo per amministrare, curare e migliorare la nostra casa comune, se vuole essere significativo, richiede di cambiare «gli stili di vita, i modelli di produzione e di consumo, le strutture consolidate di potere che oggi reggono le società»

“Come fa bene lasciar risuonare le parole di San Paolo VI, quando […] scriveva: «Lo sviluppo non si riduce alla semplice crescita economica. Per essere autentico sviluppo deve essere integrale, il che vuol dire volto alla promozione di ogni uomo e di tutto l’uomo. […] – ogni uomo e tutto l’uomo! –. Noi non accettiamo di separare l’economico dall’umano, lo sviluppo dalla civiltà dove si inserisce. Ciò che conta per noi è l’uomo, ogni uomo, ogni gruppo d’uomini, fino a comprendere l’umanità intera».

E infine saluta i giovani con queste parole: “Non temete di abitare coraggiosamente i conflitti e i crocevia della storia per ungerli con l’aroma delle Beatitudini. Non temete, perché nessuno si salva da solo. Nessuno si salva da solo. A voi giovani, provenienti da 115 Paesi, rivolgo l’invito a riconoscere che abbiamo bisogno gli uni degli altri per dar vita a questa cultura economica, capace di «far germogliare sogni, suscitare profezie e visioni, far fiorire speranze, stimolare fiducia, fasciare ferite, intrecciare relazioni, risuscitare un’alba di speranza, imparare l’uno dall’altro, e creare un immaginario positivo che illumini le menti, riscaldi i cuori, ridoni forza alle mani, e ispiri ai giovani – a tutti i giovani, nessuno escluso – la visione di un futuro ricolmo della gioia del Vangelo».

Grazie!”

All’evento hanno partecipato anche 500 ragazzi italiani.  Anche Vesti Solidale, che da sempre condivide la visione di nuovi modelli economici che concilino tra loro lavoro, impresa, ambiente e solidarietà, ha partecipato attivamente all’evento.

Un nuovo incontro è previsto ad Assisi nell’autunno 2021.

 

SHARE: da oggi un nuovo negozio a Milano

whatsapp-image-2020-10-29-at-11-57-41-3

Apre oggi un nuovo SHARE a Milano! … il terzo punto vendita gestito da Vesti Solidale a Milano.
SHARE è un progetto di moda sostenibile di Vesti Solidale nato nel 2014.
I negozi SHARE sono negozi al dettaglio di capi d’abbigliamento usati di alta qualità provenienti dall’Italia e dall’estero.
Ad oggi, sul territorio nazionale, sono presenti 6 negozi a marchio SHARE (Milano, Lecco, Varese, Napoli).
Obiettivo del progetto è quello di sperimentare la sostenibilità di una nuova attività commerciale che proponga alla clientela capi d’abbigliamento usati di altissima qualità e, attraverso la loro commercializzazione, garantisca la creazione di nuova occupazione, la generazione di risorse economiche da destinare a progetti di solidarietà sul territorio e completi la filiera del recupero di indumenti usati attraverso la raccolta da cassonetti stradali.
Con l’apertura del nuovo punto vendita verranno creati in Vesti Solidale due nuovi posti di lavoro che vanno ad aggiungersi agli altri 7 già presenti.
I negozi SHARE sono anche un luogo dove è possibile avviare percorsi di tirocinio rivolti a persone svantaggiate, di solito stranieri o provenienti dalla zona del disagio psicosociale.

Per maggiori informazioni visita il sito di SHARE!

Sistema di gestione integrato qualità, ambiente, sicurezza: ISO 45001:2018

iso

Nel mese di luglio l’ente accreditato SQS ha certificato il passaggio alla certificazione del sistema di gestione, relativo alla salute e sicurezza sul lavoro, secondo la nuova norma ISO 45001:2018,  a partire dalla precedente certificazione secondo OHSAS 18001:2007.
L’audit ha confermato anche il mantenimento del Sistema di Gestione Integrato per la Qualità e l’Ambiente, certificati secondo le norme ISO 9001:2015 e ISO 14001:2015.
I nuovi certificati sono validi fino ad agosto 2021.
Il raggiungimento di tale obbiettivo conferma l’impegno e l’attenzione costante di Vesti Solidale per la qualità dei propri servizi, la crescita della professionalità e delle competenze, nel rispetto dell’ambiente e della sicurezza dei propri lavoratori.

Per ulteriori informazioni visitate la sezione Documenti.

White List e Rating di legalità

trasparenza

Vesti Solidale è iscritta alla White List Provinciale, l’elenco dei fornitori, prestatori di servizi ed esecutori di lavori non soggetti a tentativi di infiltrazione mafiosa ai sensi dell’art. 1, commi dal 52 al 57, della legge n. 190/2012 e dal D.P.C.M. del 18 aprile 2013. A giugno 2020 è stata ricevuta comunicazione dell’avvenuto rinnovo dell’iscrizione, valida fino a marzo 2021. Vesti Solidale è iscritta per l’attività di “trasporto, anche transfrontaliero, e smaltimento di rifiuti per conto terzi”, presso la Prefettura di Milano. Sul sito della prefettura di Milano sono consultabili gli elenchi delle aziende iscritte e la validità dell’iscrizione.

Vesti Solidale ha richiesto e ottenuto, a luglio 2019, l’attribuzione, da parte dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato del Rating di legalità con il punteggio ★★+.
Il rating di legalità è un indicatore sintetico del rispetto di elevati standard di legalità da parte delle imprese che ne abbiano fatto richiesta.
Possono richiedere l’attribuzione del rating le imprese che soddisfano cumulativamente i seguenti requisiti:
• sede operativa in Italia;
• fatturato minimo di due milioni di euro nell’esercizio chiuso nell’anno precedente a quello della domanda;
• iscrizione nel registro delle imprese da almeno due anni alla data della domanda;
• rispetto degli altri requisiti sostanziali richiesti dal Regolamento.
Tale riconoscimento prende la veste di un punteggio compreso tra un minimo di una e un massimo di tre “stellette”.
Il rating di legalità ha durata di due anni dal rilascio ed è rinnovabile su richiesta.
Sul sito dell’ Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato sono consultabili gli elenchi delle aziende iscritte e il punteggio ottenuto.

Confidiamo che il raggiungimento di questi obiettivi testimoni ai nostri clienti, fornitori e collaboratori l’impegno di Vesti Solidale al miglioramento continuo, alla trasparenza e alla legalità .

Tempo del Creato 2020 – Giubileo per la Terra: nuovi ritmi, nuova speranza – SCEGLIERE STILI DI VITA SOSTENIBILI

soclogoitdark-1-1

Con il 1 settembre, Giornata mondiale di preghiera per la cura del creato, inizia il Tempo del Creato, un periodo dell’anno, che si conclude il 4 ottobre festa di San Francesco d’Assisi, patrono dell’ecologia, dedicato alla riflessione e alla promozione di iniziative sulla salvaguardia della nostra casa comune.
Per il Tempo del Creato 2020 è stato scelto il tema “Giubileo per la Terra: nuovi ritmi, nuova speranza”.
Nel Messaggio per la Giornata Mondiale di Preghiera per la Cura del Creato, Papa Francesco ha pronunciato queste parole:”La pandemia ci ha condotti a un bivio. Dobbiamo esaminare le nostre abitudini nell’uso dell’energia, nei consumi, nei trasporti e nell’alimentazione. Dobbiamo togliere dalle nostre economie aspetti non essenziali e nocivi, e dare vita a modalità fruttuose di commercio, produzione e trasporto dei beni”
La scelta di stili di vita sostenibili, rappresenta una modalità con cui anche noi possiamo partecipare attivamente alla salvaguardia dell’ambiente.
Il Tempo del Creato è un momento per riflettere su come i nostri stili di vita influenzano l’ambiente e per impegnarci in stili di vita più sostenibili. La buona notizia è che fare scelte di vita più sostenibili in poche aree di traduce in una grande differenza complessiva.
Come Vesti Solidale crediamo che la scelta di stili di vita sostenibili, nella nostra vita privata come nel nostro lavoro, rappresenti uno dei modi in cui anche noi possiamo partecipare attivamente alla salvaguardia dell’ambiente.
Nel nostro quotidiano crediamo che le nostre attività di raccolta dei rifiuti speciali e raccolta indumenti usati, come anche i progetti di riuso Restarter e SHARE, siano un contributo concreto in questo senso.

Per conoscere le iniziative relative a Il Tempo del Creato 2020 potete seguire questo link o visitare il sito del Tempo del Creato.

UNHCR – Welcome. Working for Refugee Integration

logo_welcome

UNHCR, Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati, ha deciso di conferire il premio “WELCOME. Working for refugee integration” per l’anno 2018 a Vesti Solidale, come riconoscimento del rilevante impegno dimostrato nella promozione di programmi specifici per l’inserimento lavorativo dei rifugiati.
Il giorno 21 marzo 2019, presso la sede di Assolombarda, Vesti Solidale ha ricevuto tale riconoscimento da Laura Corrado, Capo dell’Unità Migrazione Legale e Integrazione della Direzione Generale Migrazione e Affari Interni della Commissione Europea.

L’impegno di Vesti Solidale si concretizza creando percorsi di inserimento lavorativo nelle tradizionali attività di raccolta differenziata e riciclaggio degli indumenti usati, cartucce toner e rifiuti elettronici mediante gli strumenti del tirocinio di inserimento lavorativo e dell’assunzione.

Per ulteriori informazioni visitate la sezione dedicata al Progetto Welcome sul sito dell’UNHCR.

ritiro-premio

Solid’R – Il primo marchio etico Europeo

solidr-300x263

Vesti Solidale e le cooperative aderenti a Rete RIUSE , coordinate da Consorzio Farsi Prossimo , che gestiscono il progetto “Dona Valore”, hanno ottenuto il marchio Solid’R: primo e unico riconoscimento di valore europeo che distingue la qualità etica e sociale del lavoro di raccolta degli indumenti usati.
Solid’R è il marchio etico delle imprese dell’economia sociale e solidale attive nel recupero e nel  riciclo di abiti usati che identifica le aziende che soddisfano i criteri dell’economia sociale e la gestione etica delle donazioni.
Solid’R è stato ideato per fare chiarezza: distinguere le raccolte autenticamente solidali da quelle a fini di lucro e risolvere la confusione generata dai cassonetti abusivi di aziende profit che perseguono finalità pseudo-solidaristiche.
Solid’R è uno standard acquisito e riconosciuto in Belgio, Spagna, Francia e Italia.

Il marchio Solid’R è stato istituito nel 2000 da RESSOURCES, la federazione delle imprese dell’economia sociale operanti nella riduzione dei rifiuti attraverso il recupero, il riutilizzo e il riciclo delle risorse in un’economia circolare.
La federazione è attualmente composta da 64 membri attivi in Vallonia e nella Regione di Bruxelles-Capitale.

Per ottenere il marchio Solid’R è necessario sottoporsi ad un audit realizzato da Forum Ethibel , organizzazione belga senza fini di lucro, riconosciuta a livello europeo come esperta in rating, controllo indipendente e certificazione di prodotti che soddisfano standard etici, sociali, ecologici e di buon governo.

Rinnovato impegno per la qualità, l’ambiente e la sicurezza

iso-9001-14001

Nel mese di luglio l’ente accreditato SQS ha svolto l’audit di ricertificazione del Sistema di Gestione Integrato per la Qualità, l’Ambiente e la Sicurezza sul lavoro.
Vesti Solidale ha mantenuto in maniera adeguata il proprio sistema di gestione apportandovi continui miglioramenti e ha pertanto ottenuto il rinnovo della certificazione, per quanto riguarda ISO 9001 e ISO 14001, secondo i nuovi standard pubblicati nel 2015. I nuovi certificati sono validi fino ad agosto 2021.
Oltre ai tradizionali settori di attività certificati (inserimento lavorativo di persone svantaggiate e servizi di raccolta e recupero rifiuti), Vesti Solidale ha ottenuto la certificazione per le attività di “Erogazione di servizi di consulenza ambientale – gestione rifiuti” ed “Erogazione di servizi di ricondizionamento elaboratori elettronici“.
Il raggiungimento di tale obbiettivo conferma l’impegno e l’attenzione costante di Vesti Solidale per la qualità dei propri servizi, la crescita della professionalità e delle competenze, nel rispetto dell’ambiente e della sicurezza dei propri lavoratori.

Per ulteriori informazioni visitate la sezione Documenti.

Storie di economia circolare

storieeconomia

Storie di Economia Circolare è un concorso rivolto a giornalisti, videomaker, fotografi, scrittori, storyteller. Finalità del concorso è quella di stimolare e promuovere, tra giornalisti e addetti del mondo dell’informazione una rinnovata consapevolezza sulla sostenibilità ambientale, i nuovi modelli produttivi e i benefici per l’ambiente e la società che derivano da processi di transizione virtuosi. Il concorso prevede 4 categorie di prodotti culturali, ciascuno incentrato su una diversa forma espressiva: video, foto, radio e scrittura.

Nella sezione dedicata alla scrittura due storie parlano di Vesti Solidale.
Si tratta di “Vesti Solidale” di Eleonora Maglia e di “La lunga storia di un maglione rosso” di Ambra Orengo.

Se volete saperne di più di noi e delle nostre storie cliccate sui link precedenti e, se vi piaciono, regalateci il vostro voto!
Buona lettura.

Al via il progetto sperimentale Bella Milano

img_20171212_084115_resized_20171212_120822438

Parte oggi, 12 Dicembre 2017, il progetto sperimentale di Bella Milano.

Due squadre composte ciascuna da un lavoratore Vesti Solidale, due volontari e un tirocinante si prenderanno cura per i prossimi due mesi, di due aree di Milano. La loro azione si affianca ai servizi già esistenti per offrire ai cittadini una città sempre più bella ed accogliente. Le due aree comprendono un buon numero di spazi verdi, già oggetto di interventi sporadici di pulizia a seguito di proteste dei cittadini. L’azione delle squadre di Bella Milano mira a rendere più curate e accoglienti anche questi giardini, perchè siano luoghi di relax per adulti e piccini.

Bella Milano è così un’opportunità per i cittadini ma anche per le persone fragili (profughi stranieri, persone con disabilità o con forte disagio sociale) che compongono le squadre: hanno la possibilità di sperimentare un impegno lavorativo per uscire dalle situazioni di difficoltà, ricevendo una formazione che potranno spendere, si spera, nella ricerca di un lavoro stabile.

Per ulteriori informazioni è possibile visitare il sito Extrapulita.net